• 11.jpg
  • 22.jpg
  • 33.jpg
  • 44.jpg
  • ciad.jpg
  • ciad2.jpg
  • ciad3.jpg
  • ciad4.jpg

Ales - Presentato il "Centro comunitario per la famiglia San Giuseppe"

Enaip Ales C’è un nuovo futuro per l’officina meccanica dell’ex Enaip chiusa da quando si è interrotta l’attività formativa dell’Ente. In quelle stanze oggi vuote e silenziose nascerà il Centro Comunitario per la Famiglia San Giuseppe, presentato lo scorso 23 ottobre ad Ales. Un punto di incontro e sostegno per famiglie in difficoltà sul piano economico- finanziario, ma anche sociale, che sarà realizzato con i fondi della Caritas Italiana 8 x mille.

Dopo una piccola ristrutturazione e un allestimento dei locali (a disposizione ci sono complessivamente 80 mila euro), ci saranno spazi nuovi per padri separati rimasti soli, famiglie in crisi e giovani che vivono in piccoli paesi e faticano a socializzare ma anche per famiglie molto meno numerose di una volta, in cerca di sostegno per affrontare la quotidianità. Sarà un luogo per tutti coloro che vogliono ritrovare il significato vero della famiglia attraverso un cammino da seguire tutti insieme. «Non si tratta di semplice assistenza – ha precisato il direttore della Caritas Diocesana don Angelo Pittau - l’obiettivo è quello di dare alla famiglia una possibilità concreta per superare la situazione di “crisi” garantendo però una reale autonomia. Ales e tutta la Marmilla, assieme formano una grande comunità con tanti potenziali che può interagire e mettere a frutto esperienze e risorse».

Leggi tutto...

Si chiude il progetto "La scuola è comunità"

Progetto Scuola e ComunitàSi chiude il progetto “La scuola è comunità”, attuato da Piccoli Progetti Possibili* e finanziato da Fondazione Mission Bambini con la partecipazione di Fondazione con il Sud.

L’Associazione ha da sempre lavorato sul territorio per rafforzare i rapporti e le relazioni già esistenti tra le Istituzioni Scolastiche e le Associazioni locali creando una rete di Organizzazioni di Volontariato che ad oggi coordina. Ha più volte gestito progetti di tipo sociale mirati all’integrazione del minore, alla socializzazione, alla cittadinanza attiva e l’inclusione sociale coinvolgendo la Direzione Didattica Statale di Guspini nelle attività progettuali.
Il progetto, della durata di 12 mesi, è nato dalla constatazione che gli spazi esterni della Scuola d’Infanzia e Primaria di Guspini, erano scarsamente utilizzati o solo parzialmente a causa della loro insufficiente funzionalità e dello stato di degrado e abbandono in cui riversavano.

Leggi tutto...

Corsi di lingua italiana per cittadini stranieri

Corsi di lingua italiana per cittadini stranieriIl Servizio coesione sociale informa che entro ottobre partiranno i corsi di formazione civico linguistica nell'ambito del progetto Excelsa, attraverso il quale saranno erogati ai cittadini di paesi terzi 27 corsi della durata di 100 ore ciascuno.

I corsi si svolgeranno presso le sedi dei Centri provinciali per l’educazione degli adulti (CPIA) indicate nella locandina allegata alla presente e-mail.
All’interno dei corsi di formazione linguistica, saranno erogati anche dei moduli di formazione civica. Inoltre, al fine di favorire la frequenza da parte degli allievi (entro i limiti di budget del progetto) sono previsti l’erogazione di servizi di baby-sitting e il rimborso dei costi sostenuti per raggiungere la sede del corso.
Per facilitare l’apprendimento degli allievi, i docenti di lingua italiana saranno affiancati da un mediatore interculturale.
Alla fine del corso gli allievi potranno, previo superamento dell’esame, ottenere la certificazione (CILS, CEDIL ecc.) di conoscenza della lingua italiana rilasciata dagli enti accreditati.
La certificazione del livello A2 del QCER è un requisito per l’ottenimento del permesso di soggiorno di lungo periodo.

Sono destinatari del progetto i cittadini di paesi terzi, inclusi i titolari di protezione internazionale e umanitaria.

Attenzione: non possono partecipare ai corsi i richiedenti protezione internazionale e umanitaria che sono in attesa di ricevere una risposta definitiva dalla commissione territoriale (o dal TAR, nel caso in cui sia stato fatto ricorso).
Il progetto Excelsa si propone di formare 360 cittadini di paesi terzi.

Abstact Excelsa

Presentazione Progetto 

Modulo di iscrizione