• 11.jpg
  • 22.jpg
  • 33.jpg
  • 44.jpg
  • ciad.jpg
  • ciad2.jpg
  • ciad3.jpg
  • ciad4.jpg

Premio per lo sviluppo sostenibile 2016

Forno Solare Nuove Tecnologie di CariaL’Associazione Piccoli Progetti Possibili Onlus e Caritas Ales-Terralba sono liete di aver contribuito alla realizzazione dei forni solari in Camerun grazie ai Know-How “donati” da NUOVE TECNOLOGIE di Marinella Caria & C. S.n.c. di Guspini.

L’Azienda ha partecipato al concorso "PREMIO SVILUPPO SOSTENIBILE 2016" con il FORNO SOLARE "ECOSIRIO 48 SOLAREX SUBER" ed è stata selezionata fra le 10 Aziende del Settore Energia da Fonti Rinnovabili, ECOMONDO 2016.

Il progetto Solarex ha visto la produzione di forni solari, (SolaRex EcoSirio 48) camere ad alta temperatura (dai 70° ai 160°) per una duplice funzione: cucinare o/e sterilizzare. I forni sono stati utilizzati per sterilizzare strumenti sanitari e/o stoviglie nei villaggi e nelle piccole infermerie.

Nella realizzazione dei forni solari sono stati rispettati tutti i criteri per la salvaguardia dell’ambiente volti al miglioramento del grado di vivibilità nelle comunità interessante. In Camerun vi è un alto tasso di diffusione di malattie dovute alla scarsa igienizzazione e sterilizzazione degli strumenti sanitari, ma anche di normali stoviglie che vengono utilizzate per i pasti. Attraverso i forni sono state introdotte nuove pratiche di igienizzazione e sterilizzazione. Queste pratiche hanno portato miglioramenti sia dal punto di vista igienico e un impiego delle materie prime e delle persone nella costruzione dei forni.

Clicca qui per leggere il comunicato stampa.

 

Raccolta fondi per le popolazioni colpite dal terremoto in centro Italia

Raccolta fondi per le popolazioni colpite dal terremoto in centro italiaLa Caritas diocesana di Ales-Terralba, su indicazione del Vescovo Mons. Roberto Carboni, promuove una raccolta fondi per le popolazioni del Centro Italia colpite dal terremoto. La colletta diocesana, da subito operativa, sarà finalizzata a integrare la somma di un milione di euro già stanziata dalla Conferenza Episcopale italiana (CEI) dai fondi dell’otto per mille, per far fronte alle prime urgenze e ai bisogni essenziali.
La Presidenza della CEI ha inoltre indetto una colletta nazionale, da tenersi in tutte le Chiese italiane domenica 18 settembre 2016, in concomitanza con il 26° Congresso Eucaristico Nazionale, come frutto della carità che da esso deriva e di partecipazione di tutti ai bisogni concreti delle popolazioni colpite: in tale data tutte le parrocchie della Diocesi di Ales-Terralba saranno invitate a partecipare alla raccolta delle offerte.
Per aderire alla colletta diocesana si potranno da subito versare le offerte sui conti della Caritas diocesana, specificando nella causale: “Colletta terremoto centro Italia”. C.C. Banco di Sardegna Ales: IBAN: IT85F0101585550000000020736. C.C.P. Caritas Diocesana – Ales - 19701093.

Leggi il Comunicato Stampa

 

Progetto "L'immagine e la parola"

Progetto L'immagine e la parolaLe nuove generazioni risorse di cittadinanza per l'integrazione

Il progetto si è rivolto a ragazzi adolescenti tra i 14 e i 18 anni che abitano i contesti e frequentano i luoghi in cui quotidianamente il mondo dell’associazionismo agisce e opera.

L’idea è stata quella di mettersi in ascolto dei ragazzi e comprendere il loro punto di vista, le loro rappresentazioni, il loro modo di interpretare gli spazi che frequentano maggiormente: la città, la scuola, la casa. (clicca sull'immagine per vederne alcuni) 

Per far questo abbiamo dato loro la possibilità di esprimersi, attraverso l’utilizzo di più linguaggi e canali comunicativi, diventando parte attiva del progetto. I ragazzi stessi sono diventati “ricercatori sul campo”, affiancati dagli adulti nelle diverse attività, avendo l’occasione di narrare, di descrivere, di raccontare, di fotografare, di filmare... i loro spazi di vita, senza essere sempre tradotti e interpretati dagli adulti “che dicono di loro”...

EVENTO FINALE del PROGETTO

Sabato 28 Maggio 2016 ore 1800 - CineTeatro Murgia - Via Pio Piras, 2 Guspini